Maria Teresa Carbone

Default
Il problema del piacere, nella lettura come in qualsiasi altra cosa, è che può diventare la modalità di default, l'aspettativa di base. A quel punto (…) possiamo scoprire che lentamente ma inesorabilmente ci stiamo divertendo a morte.
Anna Holmes, When it come to reading, is pleasure suspect?, New York Times, 5 aprile 2015

Fotogenia
L'11 aprile 2012, Zeddie Little partecipò a Good Morning America, inalberando il sorriso radioso e vagamente perplesso di chi sia stato d'improvviso baciato dalla fama. Poco più di una settimana prima, Little era stato un venticinquenne normale, per quanto di bell'aspetto, che cercava di farsi strada nel campo delle pubbliche relazioni. Poi, il 31 marzo, venne fotografato tra i partecipanti a una corsa in South Carolina da uno sconosciuto, Will King, che postò l'immagine nel sito di social network Reddit. Ribattezzata "Tizio pazzescamente fotogenico", la foto di Little cominciò a circolare su Facebook, Twitter e Tumblr, ramazzando “mi piace”, commenti e didascalie (...). Al suo picco, ABC Morning News annunciò che una ricerca su Google di “Zeddie Little” dava 59 milioni di risposte. A cosa era dovuta questa fama repentina? La verità è che a essere diventato famoso non era Little, ma il suo meme.
Abby Rabinowitz, The meme as meme, Nautilus, 2 aprile 2015

Letteratura
Humptulips! Skykomish! Yakima! Duwamish! Kitsap! Questi toponimi sono il patrimonio di una storia lunga diecimila anni di narrazioni orali sulla costa nordoccidentale del Pacifico, la base dell'identità letteraria di Seattle.
Ryan Boudinot, Reading American cities. Books about Seattle, Guardian, 9 aprile 2015

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!