Marco Pacioni

Forse è da vedere nella secolarizzazione una rivoluzione nel senso astronomico del termine. In tale significato rivoluzione è il moto nel quale il cambiamento massimo coincide con il ritorno all’inizio. In altre parole, si può vedere nella secolarizzazione quel processo che allontanando la vita sociale e politica dalla sfera teologica la riconduce al punto di partenza religioso. Che la modernità possa essere descritta in opposizione al sacro o teologico fa venire allora il sospetto che l’opposizione sia essa stessa non un semplice rifiuto, ma un diverso modo di attuazione del paradigma religioso.

Accade così che mentre ancora negli anni Settanta del Novecento si poteva pensare che le società occidentali e il mondo intero si stessero sempre più distanziando dalla religione, in realtà avevano iniziato quella svolta che li avrebbe ricondotti ad essa. E ora, man mano che ci si avvicina al punto di partenza, si nota sempre di più il protagonismo politico del fenomeno religioso. Nel libro di Manlio Graziano, Guerra santa e santa alleanza. Religioni e disordine internazionale nel XXI secolo (il Mulino, 2015) tale protagonismo viene descritto attraverso la geopolitica e portato alle sue conseguenze più estreme.

Nella modernità, analogo al processo di secolarizzazione è stato quello che ha interessato lo Stato nazionale. Tutte le più importanti religioni, in modi diversi, hanno dovuto venire a patti con lo Stato. In quasi tutti i casi ciò si è risolto in una nazionalizzazione del religioso. Tutto ciò ha però visto e vede sempre di più, secondo Graziano, una grande eccezione: la chiesa cattolica. Certo, anch’essa dopo la perdita del suo Stato è stata più volte cooptata dentro le politiche degli stati nazionali, ma mai fino al punto da mettere completamente in secondo piano il suo centralismo universalistico che le ha garantito di mantenere una rete planetaria che nessun’altra religione e confessione possono oggi vantare.

La chiesa dopo il 1870 e soprattutto dalla prima guerra mondiale, in quella che già Carl Schmitt aveva intuito essere una «complexio oppositurum», assume una dimensione ibrida. Da un lato la chiesa continua a essere uno Stato con propri rappresentanti diplomatici nel mondo e dall’altro lato essa è uno Stato senza Stato in quanto manca praticamente di territorio e popolazione. Dopo la fine del potere temporale, il territorio della chiesa diventa virtualmente – ma proprio per questo potentemente – il mondo intero; mentre la sua popolazione non viene a coincidere con il corpo bio-politico degli stati-nazione, ma con ciò che riavvicina tutte le popolazioni al popolo della comunità ecclesiale.

Per Graziano la destatalizzazione della chiesa ha comportato che essa abbandonasse la strategia della guerra santa. Lo «scontro di civiltà» teorizzato da Huntington costituisce invece l’ultima incarnazione della guerra santa ed è un ulteriore tentativo del potere politico statuale e nazionale di cooptare il cristianesimo e la chiesa cattolica. È molto significativo che la chiamata allo scontro di civiltà non sia venuta dalla chiesa. Secondo Graziano, nella modernità la chiesa non soltanto abbandona il paradigma della Guerra Santa lasciandolo come disperato tentativo a quell’Occidente che crede ancora alla possibilità di un’egemonia politica attraverso lo Stato nazionale e la religione civile, ma addirittura assume un diverso paradigma: quello di una «santa alleanza» con le altre religioni e confessioni per estendere la propria azione politica e spirituale nel mondo.

Il libro di Graziano è stato scritto prima dell’emergere del progetto del califfato dello Stato Islamico a proposito del quale si potrebbe aggiungere qualche considerazione seguendo il percorso storico e geopolitico da Graziano brillantemente delineato. Nello Stato Islamico sarebbe da vedere un tentativo di far acquisire all’Islam una dimensione unitaria attraverso la struttura dello Stato, cioè proprio quella struttura di cui la chiesa cattolica si è sbarazzata vedendo così rafforzata la sua influenza su scala mondiale.

In tal senso, il tentativo dell’Isis, fidando esplicitamente sullo Stato territoriale e su un popolo che non coincide con le popolazioni assoggettate non potrà che perpetuare le divisioni che già sono all’interno del mondo islamico. Nella prospettiva di Graziano, la strategia dell’Isis sarebbe dunque votata al fallimento sia nel caso in cui riuscisse a stabilire un suo Stato territoriale dotato di un popolo, sia nel caso in cui continuasse soltanto a essere una forza militare terroristica senza territorio e senza popolo.

Manlio Graziano
Guerra santa e santa alleanza. Religioni e disordine internazionale nel XXI secolo
Il Mulino (2014), pp. 359
€ 25,00

Tagged with →  
Share →

Una Risposta a Secolarizzazione e santa alleanza

  1. Gianfranco Russo scrive:

    Ancora la Storia universale si esprime attraverso la dialettica degli stati, se si nega questo dato di partenza non si possono costruire delle astrazioni autentiche, vale a dire delle astrazioni che possano superare dialetticamente il dato negativo esistente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!