Maria Teresa Carbone

Ottima/mente
Non molto tempo fa, i testi di business di maggior successo dicevano all'unisono: Fidati della pancia. Il segreto di una buona decisione stava ben lontano dal nostro intelletto e il pensiero lineare era diventato d'improvviso la strada maestra verso la rovina. (…) Non più. La pancia è morta, viva i dati sputati giorni e notti dalla nostra miriade di computer e di dispositivi intelligenti. Ma attenzione, non ci fidiamo dei dati come ci fidavamo della pancia. No, li ottimizziamo. L'idea di ottimizzazione suona affidabile e scientifica e qualche volta lo è, in modo stupefacente. Ma nei titoli della sezione Lifestyle è diventata il grado zero del senso comune. Non credo di spifferare nessun segreto professionale rivelando che secondo l'Huffington Post i Tre Trucchi Tre per ottimizzare la vita sessuale sono: esercizio, relax e non bere troppo.
Virginia Heffernan, A sucker is optimized every minute, New York Times, 17 marzo 2015

Polli polli polli fortissimamente polli
Se tutti i cani e i gatti del mondo sparissero da un giorno all'altro, milioni di persone piangerebbero i loro amici a quattro zampe. Se i bovini d'improvviso cessassero di esistere, ne deriverebbero crisi economiche in America, Argentina e Australia. Ma cosa accadrebbe se i 22 miliardi di polli del pianeta soccombessero a una malattia come l'aviaria? Come reagirebbe l'umanità? È un esperimento mentale le cui risposte dimostrano come la civiltà umana sia giunta a dipendere da una singola specie. Senza polli, ci troveremmo di fronte a “un mondo alla fame”, dice Olivier Hanotte, biologo molecolare alla University of Nottingham, che ha studiato la diffusione dei polli intorno al globo.
Andrew Lawler, Clucking hell. The world without chickens, New Scientist, 19 marzo 2015

Sinistra futurista
In un tempo in cui le catene di montaggio delle fabbriche sono popolate da robot, alla guida delle automobili ci sono gli algoritmi e le casse dei supermercati vengono invase da schermi intelligenti, l'automazione è il nuovo incubo. I robot, si dice, sono qui per rubarci il lavoro. Ben vengano, rispondono i comunisti di lusso. Situati alla sinistra futurista dello spettro politico, il comunismo di lusso pienamente automatizzato (Fully Automated Luxury Communism, FALC) punta ad abbracciare l'automazione al massimo grado. Può sembrare un ossimoro, ma questo fa parte del gioco: qualsiasi cosa targata comunismo di lusso sarà difficile da ignorare.
Brian Merchant, Fully automated luxury communism, Guardian, 18 marzo 2015

Tagged with →  
Share →

Una Risposta a Semaforo

  1. sergio falcone scrive:

    Così siam messi. E siam messi molto male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!