Andrea Fumagalli

Chiamata alle armi del Touring Club Italiano: 1000 operatori presteranno servizio durante Expo2015 a sostegno del progetto Destinazione Milano, interno al più vasto Programma City Operations, messo a punto dal Comune di Milano per rincorrere le «opportunità» legate al turismo indotto dall’esposizione universale, rispetto a cui sono stati studiati programmi il cui scopo è portare turisti dal sito expo in città. Nel Programma City Operations (deliberazione di G.C. n.1282/2012 del 15/6/2012) viene definito un panorama in cui aumenta, decuplica l’offerta turistica ma a ciò non corrisponde un’offerta altrettanto decuplicata di lavoro... Per lo meno di lavoro retribuito, poiché la linea di indirizzo scelta è l’utilizzo di volontari, ovvero lavoro gratuito.

Ciò che avete letto è solo uno dei tanti esempi delle politiche attive per il lavoro che il grande evento Expo2015 utilizza: lo sfruttamento del lavoro volontario. Il 23 luglio, a Milano, viene siglato un accordo tra Cgil-Cisl-Uil, il Comune di Milano ed Expo 2015 S.p.A. Un accordo per favorire l’assunzione a termine di 800 lavoratori e l’utilizzo di 18.500 volontari per garantire la forza-lavoro necessaria a Expo 2015. Si tratta del primo accordo sindacale che permette il ricorso al lavoro non pagato siglato in Italia.

Ritorniamo così, drammaticamente, a una situazione pre-rivoluzione francese. In quell’occasione, l’affermazione che i diritti di cittadinanza sono garantiti a prescindere dalla condizione professionale ha significato la progressiva eliminazione (almeno dal punto di vista giuridico) di quei rapporti di lavoro basati sullo schiavismo, la servitù della gleba e la corvè; in altre parole, l’attività lavorativa umana non può essere soggetta a coazione ma è formalmente libera e quindi remunerata. Nasce così il moderno mercato capitalistico del lavoro, in cui si scambia cessione di tempo di vita contro un salario monetario. Già con la legge Bossi-Fini tale principio viene meno per i migranti nel momento in cui la possibilità di essere riconosciuti come essere umani (avere cioè un permesso di soggiorno), dipende dalla condizione lavorativa. Ora, per i residenti autoctoni, si permette che un lavoro che produce profitti possa essere legalmente e contrattualmente non remunerato!

Il contratto siglato a Milano per l’Expo anticipa quanto poi verrà generalizzato con Il Job Act e con il piano Garanzia Giovani. Con tale scellerato accordo si stabilisce che degli 800 lavoratori assunti per i 6 mesi di Expo 2015, 340 saranno apprendisti e dovranno avere meno di 29 anni. Altri 300 saranno contratti a tempo determinato e una parte degli impieghi sarà riservata a disoccupati e persone in mobilità.

Sul fronte degli stage, invece, saranno 195 le posizioni da coprire, con rimborsi da 516 euro al mese. A questi si aggiungeranno circa 18.500 volontari, destinati principalmente all’accoglienza dei visitatori: potranno alternarsi su turni di cinque ore al giorno, con un impiego massimo di due settimane ciascuno, per un fabbisogno giornaliero di 475 persone. Con questi “si chiude il fabbisogno per la società” – ha spiegato Sala, l’AD di Expo2015, con il plauso del Comune di Milano e di Cgil, Cisl e Uil.

Per compensare questa ignominia, il 26 gennaio scorso, in pompa magna, è stato annunciato dallo stesso AD Sala l’avvio da parte di ManpowerGroup dei procedimenti di selezione di 5.000 figure professionali per i Padiglioni dei Paesi. Come si legge nel comunicato ufficiale: “Tra le competenze richieste per le nuove posizioni vi sono dinamismo, iniziativa, capacità di lavorare in gruppo e determinazione, ma anche disponibilità al lavoro su turni (compresi sabato e domenica e festività), conoscenza delle lingue (soprattutto inglese, tedesco e spagnolo ma anche molto richiesto cinese, arabo e russo), ottime capacità relazionali e di gestione dello stress”.

Non è chiaro a chi è riferito la capacità di gestione dello stress. Se ai singoli lavoratori oppure al pubblico. I contratti sono infatti interinali, temporanei, pagati al minimo e relative alle seguenti professionalità: cassieri, aiuto cuochi, baristi, ovvero per lo più manovalanza da cucina! Certo si tratta di lavoro remunerato, sull’ordine dei 700-800 euro mensili con orari flessibili 7 giorni su 7, e possiamo immaginare il profitto che ne ricaverà la Manpower.

Il totale dell’occupazione per il periodo di Expo sale così a poco più di 25.000 unità, di cui tre quarti sono lavoro non pagato. E pensare che una ricerca della Bocconi qualche anno fa stimava un impatto occupazionale di Expo dal 2012 al 2020 di circa 191.000 nuovi posti di lavoro, di cui 30.000 nella fase di preparazione all’evento, e ben 67.00 durante i 6 mesi dell’evento stesso (1 maggio- 31 ottobre 2015). Secondo uno studio della Cgil lombarda del dicembre scorso, dal 2012 alla fine di ottobre 2014, le assunzioni «per attività finalizzata alla realizzazione di Expo» a Milano e provincia sono state 4.185 da parte di 1.733 aziende: un numero decisamente inferiore a quello ipotizzato, dal quale inoltre bisognerà decurtare i circa 1200 lavoratori che perderanno il posto di lavoro una volta ultimati (se si farà in tempo) i lavori di costruzione dei padiglioni di Expo.

Di fatto la creazione effettiva e reale di posti di lavoro, seppur temporanei ma remunerati dal 2012 a fine Expo, si riduce a poco più di 10.000 unità, una quota significativamente minore al numero dei lavoratori gratuiti e 10 volte inferiore a quella stimata. Con il Jobs Act, la precarietà diventa norma, si istituzionalizza e quindi non è più atipica. Dal punto di vista giuridico, la precarietà viene così formalmente risolta. Con Expo 2015, una nuova frontiera si apre e la sostituisce: è quella del lavoro gratuito.

Tagged with →  
Share →

2 Risposte a Lavoro gratis per tutti

  1. libertad scrive:

    Verissimo.

    Il ricorso al lavoro gratuito (gestito a titolo magari non gratuito da mediatori tipo ManPower e preselezionato dal web tramite curiosi “algoritmi”) è una piaga di questo tipo di eventi (giochi olimpici, mondiali di calcio) e dell'”industria” culturale.

    Che come “industria” si mostra parecchio arretrata: siamo al caporalato con gadget, selfie e microvisibilità. Non credo l’EXPO sia una ong (la povera FIFA lo è per la Svizzera), in teoria dovrebbe stimolare svariate filiere (edilizia, alberghi, trasporti) anche nel medio periodo, il biglietto d’ingresso non è gratuito, non si capisce perché non si possa disegnare una redistribuzione più virtuosa ed evoluta.

    Questo pseudovolontariato è la fine del lavoro.

  2. Ernesto Sattaneo scrive:

    Quando l’allora presidente del consiglio (Massmo Dalema) venne a Milano l’RSU dell’Università degli Studi fece un volantino (in possesso di chi scrive) dove ad un certo punto c’era scritto: “… Caro Presidente non è possibile tollerare nell’Università una quantità di precari a due cifre … “. Perchè ad una cifra cioè il 9% si? La risposta è alternata: una parte (non una minoranza ..) della forza-lavoro stabile, a tempo indeterminato e da più tempo … gradisce … che ci siano i comì, coloro che fanno “certi” lavori… mettere a posto i faldoni e così via …. Invece bisognerebbe/bisogna indignarsi in qualsiasi luogo di lavoro dove non ci sono ragioni obbiettive per il lavoro “a tempo definito” ( consegna di elenchi telefonici …. stagione balneare etc….); una minoranza pur variegata …. s’indigna cerca di percorrere ancora … l’unica strada che la working class di tutti i paesi può percorrere: la rinascita visibile dell’Associazione Internazionale de* Lavorat*; la Prima Internazionale e poi la Seconda e non solo … decisero che tutti gli anni dell’avvenire … si sarebbbero astenuti dal lavoro nella giornata del Primo maggio … per l’obbiettivo della giornata lavorativa di otto ore; oggi quando inizieremo ad astenerci dal lavoro il giorno PRIMA … del Primo maggio e … chiedere la SETTIMANA LEGALE LAVORATIVA DI TRENTA ORE SENZA DIMINUZIONE DELLA RETRIBUZIONE ?? SAREBBE QUESTO UN ARGOMENTO IN PIU’ PER SEGUIRE IL SUGGERIMENTO DI UN NOSTRO ANTENATO:Don’t mourn for me: organize! (“Non piangetemi: organizzatevi!”). Joe Hill (Gävle, 17 ottobre 1879 – Salt Lake City, 19 novembre 1915),

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!
Almanacco
Il primo Almanacco di alfabeta2 che riassume come «cronaca di un anno» l’attività di www.alfabeta2.it sul tema Post-futuro. Con sconto 30%!
La moneta del comune
Il secondo libro della collana alfalibri: La moneta del comune a cura di Andrea Fumagalli ed Emanuele Braga. L’obiettivo è semplice creare un ambiente socio-economico ed ecosostenibile in grado di produrre per sé e non per il profitto e la rendita.