Il beverone

Alberto Capatti

Mentre, domenica dopo domenica, leggevate ricette anonime e ricettine d’autore, io scrivevo la mia Storia della cucina italiana che ora è stata edita da Tommasi. Comincia nel 1945 quando sono stato svezzato e termina nel 2013 quando, scricchiolando, la macchina di Expo si è messa in moto. Non è tuttavia un autoscatto quello di oggi, un selfie storico-gastronomico perché una ricetta voglio darvela lo stesso ripescandola dal mio sacco. Scelgo una parola che forse amate: tiramisù. Una ennesima versione del dolce che dagli anni Ottanta ricorre ovunque, case, supermercati e ristoranti? Affatto. Un capitolo di Uomini in cucina di Elena Spagnol e Bruno Vergottini (famoso parrucchiere milanese), porta questo nome e tratta di cocktails. Il tiramisù sarebbe un “beverone capace di rimettere in sesto il giovane signore più annebbiato”. Volete la ricetta? Eccone una:

Surgeon Major

In una ciotolina battete:
1 uovo crudo, tuorlo e albume
Versatelo in un bicchiere (non freddo) e unite:
3 macinate di pepe nero
Champagne brut ghiacciato, fino all’orlo del bicchiere
Mescolate: bevete il più in fretta possibile

Direte che è l’ovetto della nonna stile via Montenapoleone a Milano (dove i Vergottini lanciarono il loro famoso taglio di capelli). Certo nulla a che vedere col dolce al mascarpone che in Veneto non era ancora nato. Uomini in cucina esce da Mondadori nel 1975.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.