Lorenzo Coccoli

Qualche giorno fa, a commento dell’occupazione di un immobile di proprietà della Curia, l’edizione locale di Avvenire raccoglieva lo sfogo del vicario generale di Bologna Giovanni Silvagni, preoccupato dalle ricadute educative del cattivo magistero dei centri sociali: «Quasi di fronte al portone dello stabile occupato c’è la sede della Caritas diocesana, dove ogni giorno si assiepano decine di persone, che chiedono e ricevono aiuto. Ora questi veri poveri riceveranno dallo spettacolo dell’occupazione un altro messaggio: Ma perché chiedere se si può pretendere? Ma prendetevi da soli e con la forza ciò di cui avete diritto: fate come noi!  C’è da augurarsi che la lezione non sia raccolta».

Sulla stessa pagina, in taglio medio, ritratte dal pennello di un anonimo fiammingo del Seicento, campeggiavano due figure: il povero e il ricco, Lazzaro e l’epulone. Già Hegel, nelle sue lezioni di estetica, aveva notato come la parabola vivesse dello scarto tra il suo contenuto narrativo e il suo significato simbolico. Ed è precisamente questo scarto a rendere possibile quella dialettica di continuità e discontinuità, di modificazioni e rimandi che apre al gioco delle sue interpretazioni e la consegna a una storia degli effetti. Il bel libro di Pietro Delcorno segue per un tratto la Wirkungsgeschichte di una delle parabole più profondamente sedimentate nell’immaginario sociale cristiano: quella, appunto, di Lazzaro e del ricco epulone. Lo fa prendendo in esame una vasta gamma di prodotti culturali che hanno veicolato e diffuso per secoli il racconto evangelico: affreschi, prediche, incisioni, sacre rappresentazioni, persino oggetti di uso domestico.

Soprattutto, lo fa concentrando il fuoco dell’analisi su un torno di anni che segna una soglia epocale nella storia della povertà: è infatti tra Quattro e Cinquecento che la paupertas comincia gradualmente a lasciare il campo dei dibattiti religiosi sulla perfezione spirituale e a entrare in quello della trattatistica politica. Mendicanti, vagabondi e accattoni irrompono in massa nelle piazze delle città e nelle paure delle élite borghesi, ponendo con urgenza la questione della conservazione dell’ordine. Il povero non aspetta più sulla soglia del ricco ma bussa con sempre maggiore insistenza alla sua porta.

Il passo del Vangelo di Luca (16, 19-31) è noto: un ricco «vestito di porpora e bisso» passa la vita tra banchetti e gozzoviglie, mentre Lazzaro giace affamato all’ingresso della sua casa, desideroso di «saziarsi delle briciole» che cadono dalla sua mensa. Il loro destino celeste sarà però diametralmente opposto a quello terreno, con Lazzaro portato dagli angeli nel seno di Abramo e l’epulone sepolto nelle fiamme dell’inferno. Il senso è piuttosto trasparente, e il testo non sembrerebbe presentare particolari difficoltà esegetiche. Quando tuttavia, attraverso canali molteplici, esso entra a contatto col tessuto vivo e mutevole della realtà sociale, ecco che i suoi personaggi di colpo si animano, i loro volti assumono tratti cangianti, la loro vicenda viene rimodellata in base a esigenze via via diverse.

La parabola può allora essere usata «come una sorta di reagente» che, «nelle sue sfaccettature, permette di compiere un itinerario dentro a una società in profonda trasformazione». Dalla predicazione dei frati dell’Osservanza alla nascita dei Monti di Pietà, dal Narrenschiff di Brant alla polemica anticattolica contro i lussi della corte papale, l’attenta analisi di Delcorno procede attraverso l’altalena delle identificazioni successive cui vanno incontro le figure di Lazzaro e dell’epulone, fornendoci un originale quanto efficace termometro del cambiamento di un contesto storico in costante ebollizione.

Eppure, nel flusso instabile delle metamorfosi interpretative, affiorano qua e là degli elementi di continuità. Tra questi, «l’imperituro invito alla pazienza» rivolto ai poveri per mezzo dell’esempio di Lazzaro. Che si tratti di una mera esigenza d’ordine o di un più articolato progetto di riforma sociale, che il pauper sia inquadrato in una gerarchia di status o sia invece valorizzato nella sua capacità produttiva, il messaggio affidato alla parabola resta, mutatis mutandis, lo stesso: «profunda humilitas, devota oratio, patiens tolleratio». Al “vero” povero si chiede di interpretare remissivamente il ruolo assegnatogli da Dio, di «schiffare sempre il tumulto e la discordia civile», e di rimandare a un’altra vita la sua pretesa di felicità. Tutto ciò diventa tanto più evidente quando sulla scena europea si affaccia una nuova figura che pare costituire l’opposto speculare del povero evangelico.

Caso unico tra le parabole, i cui protagonisti sono perlopiù anonimi, Lazzaro è infatti il solo a essere dotato di nome proprio. Lazzaro ha un nome ma, almeno in questa vita, non ha voce: il silenzio è la sua virtù. Può essere nominato (e quindi conosciuto, schedato, controllato) ma non può nominare. Viceversa, il “falso” povero che inquieta le coscienze moderne è senza nome (straniero, sconosciuto, in-fame) ma fin troppo ricco di voce, in una scala tonale che va dallo schiamazzo disordinato degli accattoni al grido di guerra dei contadini di Müntzer e Gaismair. L’immagine di Lazzaro, prototipo del povero meritevole, si rivela allora strumento quanto mai adatto a silenziare ogni velleità di rivolta.

Ancora oggi, gli evangelisti della nuova ragione del mondo continuano a predicare la loro versione della parabola. È la teoria del Trickle-down (non a caso nota anche come Crumb theory), principio cardine della reaganomics: lasciate che i ricchi diventino sempre più ricchi, e vedrete che qualche briciola cadrà dalla loro tavola a vantaggio dei (sempre) più poveri. A patto, certo, che questi accettino di attendere in silenzio fuori dalla loro porta. Il che però non è detto che accada ancora a lungo: è anzi lecito aspettarsi che, contro l’auspicio del vicario Silvagni, l’esempio di Lazzaro lasci presto il passo a un tutt’altro modello d’azione.

Pietro Delcorno
Lazzaro e il ricco epulone. Metamorfosi di una parabola fra Quattro e Cinquecento
Il Mulino (2014), 310 pp.
€ 30,00

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi