Augusto Illuminati

Vi ricordate la sequenza finale di Tutti gli uomini del Presidente, quando sullo schermo televisivo scorrono le immagini del secondo trionfale giuramento di Nixon nel 1972, mentre ticchettano i tasti delle macchine da scrivere su cui i due indomiti cronisti scrivono le malefatte del Watergate e infine uno per uno cadono tutti gli esecutori e il padrino stesso nel 1974 deve arrendersi? Mi veniva in mente al vedere la fiducia trionfale al Senato del Jobs Act, l’arrogante esultanza di Renzi e Poletti, le cariche e le manganellate ai dimostranti sotto la pioggia (unico onore romano di questi giorni) e – subito dopo – le immagini di Poletti a fraterno colloquio con Buzzi sul Magazine della cooperativa 29 giugno e a cena con tutto il resto della banda: Alemanno, Panzironi e Buzzi in testa, l’assessore Ozzimo e l’on. Marroni del Pd, Sveva Belviso dell’Altra Destra a fianco e un Casamonica sullo sfondo.

Mi veniva in mente al pensare a quei dirigenti collusi e corrotti della (tardivamente) disciolta federazione romana del Pd, sostenitori accesi o guardinghi o per “responsabile” disciplina e tutti o coinvolti con mazzette o sdegnosamente consapevoli però mafiosamente taciti davanti al fatto scellerato quanto inaudito che a comandare a Roma non erano i boss politici (i Bettini, i Morassut, i Cosentino) ma Er Cecato, ovvero Massimo Carminati con i suoi accoliti Buzzi, Guarany, Odovaine, Panzironi, Mancini. Carminati, dico, non Mackie Messer. Carminati, dico, non Al Capone. Carminati il Nero, manco il Libanese o il Dandi, ma una seconda fila dei Nar e della Magliana, infiltrato e spione. Eppure, come scandisce Tosca guardando il cadavere del barone Scarpia: «…avanti a lui tremava tutta Roma!» «Li famo strilla’ come un’aquila sgozzata», in gergo intercettato.

Quello che sorprende non è l’ignobile trama con cui ha arraffato il potere economico una combriccola di ex-detenuti, fascisti di varia osservanza e piddini corrotti, sotto gli occhi di un Marino alquanto distratto e di un’opposizione più attenta alle infrazioni della Panda rossa del sindaco che non a maneggi criminali sfacciatamente esibiti. Cose che capitano. E che la destra romana in tutte le sfumature stesse assai ammanicata con truffatori, tangentisti e delinquenti non è una novità. Perfino la doppia funzione di speculare su zingari e migranti e allo stesso tempo di aizzare le periferie contro di loro è un classico. Quando alla testa del corteo popolar-razzista abbiamo visto Alemanno e Tredicine, il re dei caldarrostari e ombrellari bengalesi, si era capito subito il gioco.

Lo scandalo vero è un altro e riguarda solo il Pd o PdR che dir si voglia, il partito della Nazione, di quelli che volevano che Landini chiedesse scusa per aver dubitato che Renzi avesse il consenso degli onesti e allo stesso tempo mandavano un bacio grande a Buzzi. Che Renzi abbia immediatamente sciolto la direzione romana del Pd (peraltro a lui indigesta), cercando di recuperare l’odiato marziano Marino per evitare lo scioglimento del Comune per mafia e una nuova elezione che farebbe impallidire l’astensionismo emiliano, non occulta il fatto che uno dei gruppi dirigenti fondamentali si presenti non solo corrotto ma complice di forze criminali e di destra eversiva. Per di più a grande notorietà mediatica. I ragazzini con i pupazzi del Nero e del Libanese ci giocano: vogliamo vedere Poletti con la coppola in vendita a S. Gregorio Armeno il prossimo Natale?

Com’è possibile che, nel pieno dell’offensiva di CasaPound, Borghezio e Lega contro zingari e rifugiati, solo i centri sociali e le associazioni di sostegno ai migranti abbiano denunciato la morsa mortale di pogrom e finte cooperative di sfruttamento, la spirale perversa fra costi di mantenimento elevati e feroce taglieggiamento degli operatori, per un verso, degli ospiti dall’altro? Chi si ficcava in tasca quei soldi? Non servivano forse i pogrom a spostare a rotazione campi rom e centri di accoglienza da una parte all’altra per ottenere fondi che poi qualcuno si pappava spudoratamente? Le vicende dei Cara siciliani e pugliesi e di Castelnuovo di Porto erano state denunciate molto prima che scoppiassero le insurrezioni “ben guidate” di Corcolle, Tor Sapienza, Torpignattara, Infernetto ecc.

Il gruppo dirigente romano del Pd conosceva bene in realtà il gioco della spartizione dei fondi e anche della distribuzione in eccesso dei profughi nel Lazio. Lo conosceva perché vi partecipava, perché loro stavano dentro la macchina, ne ricavano stecche di partito e private e chiudevano un occhio sulla mobilitazione dei penultimi (gli abitanti delle periferie abbandonate) contro gli ultimi. Aveva un bell’andare Marino da Alfano chiedendo di spostare altrove i rifugiati, mentre i suoi assessori si spartivano l’eccesso di Rom, minori non accompagnati e asilanti contro un discreto bottino tangentizio. Tutti zitti, un bel regalo al nascente Fronte lepenista nel nostro Paese.

Ma i consiglieri, deputati, funzionari del Pd che andavano in visita pastorale nelle cooperative (Poletti in prima fila) non potevano denunciare la demagogia di Alemanno, quando l’hanno visto alla testa dei pogrom? No che non potevano, proprio perché ci mangiavano insieme (in senso proprio e figurato) e ci si facevano i selfies. Così che familiarmente possono essere evocati nell’intercettazione di una telefonata di Buzzi a Odovaine: «A noi ce manda Goffredo (Bettini) con una precisa indicazione»…

Il ruolo di Poletti, come ex-presidente di Legacoop, è ancora più emblematico. Ha un bel commissariare quella regionale laziale (il giorno dopo la fuga dei maiali dal porcile), ma resta il fatto che organicamente la sua Lega è la principale utilizzatrice finale del saccheggio dei fondi europei per trasformare la tragedia dei richiedenti asilo per guerra in colossale affare. Isis e affini li costringono alla fuga, gli scafisti li taglieggiano e alla fine ci mangiano sopra le coop e il terzo settore inquinato. Da al-Baghdadi a Poletti il cerchio si chiude. La legge mafiosa del sub-appalto, del resto, contrassegna la filiera migrante come il Jobs Act, è la stessa logica della precarietà e delle “tutele crescenti”.

Il crimine è la matrice del prelievo biopolitico, non un suo effetto collaterale. La bolla speculativa dell’accoglienza tossica – come è stata definita in un documento di ResistenzeMeticce – si fonda sulla spartizione del mercato al 50% fra il gruppo Eriches 29 di Buzzi e l’Arciconfraternita di Zuccoli, emanazione Cei. Con la benedizione del Comune, sotto le amministrazioni Alemanno e Marino, e del ministero degli Interni. E con il complemento della protesta mediatica e teppistica contro il “degrado”, alla cui testa si collocano proprio quanti ne sono responsabili e fruitori.

A Roma non è purtroppo affare di poche mele marce o, secondo la metafora del sindaco-trapiantista, di tumori isolati: marciume e metastasi dilagano nel ceto politico e contaminano l’insofferenza da crisi. Ma c’è un’altra Roma non mafiosa e solidale, quella che sabato 13 dicembre si ritroverà alle 15 a piazza Vittorio per il diritto alla città. Un’altra volta, come il 3, per difendere l’onore romano contro la cosca del Jobs Act, dei centri d’accoglienza e degli sgomberi.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi