G.B. Zorzoli

“L’impatto dei cambiamenti climatici può causare instabilità in diversi paesi, rendendo difficile l’accesso al cibo e all’acqua, danneggiando infrastrutture, diffondendo malattie, obbligando un gran numero di persone ad abbandonare la propria residenza (fino al caso estremo di migrazioni di massa), interrompendo le attività commerciali o riducendo la disponibilità di energia elettrica. Questi eventi potrebbero indebolire governi di per sé già fragili, quindi incapaci di risposte efficaci, o mettere a dura prova governi stabili, come pure aumentare la competizione e le tensioni fra paesi in lizza per accaparrarsi risorse divenute limitate. Questi vuoti di governance possono aprire un’autostrada per ideologie estremiste e favorire il terrorismo”.

Chi può essere l’autore di scenari così terrorizzanti? La risposta più ovvia sarebbe: un ambientalista duro e puro. Quella corretta è viceversa il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Infatti si tratta di un passo del Rapporto “2014 Climate Change – Adaptation Climate”, recentemente reso pubblico dal Dipartimento della Difesa, che è altrettanto preoccupato dell’impatto del cambiamento climatico sulle operazioni militari. L’innalzamento del livello dei mari è destinato a complicare gli sbarchi con mezzi anfibi.

I cambi di temperatura e di durata delle stagioni possono alterare le “finestre” temporali disponibili per determinati interventi. La maggior frequenza di eventi estremi renderà impossibile effettuare con la necessaria continuità voli di sorveglianza e di intelligence. Ancora più gravi potrebbero essere le implicazioni sulla operatività delle infrastrutture naturali e artificiali delle forze armate USA, a causa di inondazioni, erosione del suolo, mancata disponibilità di acqua e di energia, ecc.

Pochi giorni fa a Londra Lord Browne ha affermato che interventi drastici da parte delle autorità, finalizzati a contrastare il cambiamento climatico, potrebbero rendere i combustibili fossili impopolari quanto il tabacco. Nei confronti di questa minaccia la maggioranza di coloro che operano nel settore (petrolieri in testa) mostra una sorta di “colpevole insensibilità”. Non solo non manifestano alcuna intenzione di modificare i propri modelli di business: sono ancora pochi quelli che accettano pubblicamente la base scientifica del cambiamento climatico e meno ancora quelli che pensano che ciò comporti un rischio per i loro affari.

Il solito aristocratico eccentrico, che si diverte a épater le bourgeois? Edmund John Philip Browne è il classico businessman britannico, tra il 1995 e il 2007 amministratore delegato della BP, una delle quattro maggiori compagnie petrolifere a livello mondiale (assieme a Shell, ExxonMobil e Total). Cioè uno che ha conosciuto i suoi polli dall’interno.

Sul tema del cambiamento climatico, a giugno 2014 è uscito negli Stati Uniti il rapporto Risky Business, che prevede nei prossimi decenni danni di centinaia di miliardi di dollari all’economia USA provocati dal cambiamento climatico, se tutto procedesse secondo la logica del business as usual. Non è il primo, né sarà l’ultimo studio in materia. Tuttavia, mai, prima d’ora, simili conclusioni erano state sottoscritte da un importante esponente repubblicano, Henry Paulson, ministro del Tesoro con George W. Bush, e da un altrettanto importante uomo politico, Robert Rubin, pure ministro del Tesoro, ma con Clinton.

Il centro di ricerche americano Pew ha condotto un’indagine su scala mondiale, nella quale chiedeva agli intervistati di scegliere fra i rischi globali elencati quello che giudicavano la maggiore minaccia per il loro paese. Il cambiamento climatico è risultato al primo posto, seguìto a ruota dall’instabilità finanziaria e, abbastanza ravvicinati, dall’estremismo islamico e dai programmi nucleari di Iran e Nord Corea; molto distanziata, viceversa, l’influenza delle due grandi potenze, Cina e USA. Un’ultima domanda: quante di queste notizie, anche solo sorto forma di trafiletto, avete trovato sui media italiani?

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi