Ivan Schiavone

La poesia è, al minimo, testimonianza di un immaginario collettivo, presupporrebbe dunque un orizzonte identitario condiviso, la qual cosa oramai è da escludersi. Anni di sistematica devastazione politica e culturale, di smantellamento dello stato di diritto, specie in ambito lavorativo, congiunti ad una spettacolarizzazione diffusa attraverso la proliferazione tecnologica e la derealizzazione conseguente hanno contribuito a creare l’atomizzazione, culturale come sociale, che ha dato l’imprinting alla nuova generazione poetica. Una generazione che si è trovata isolata in un paesaggio costruito per sedimentazione di rovine e che ha deciso di non alienarsi una volontà di ricostruzione. Ricostruzione che non può che partire, come sempre si da in presenza d’identità frante e immaginari colonizzati, da risultati differenti, quando non direttamente contrastanti, ma scaturenti da unica matrice che informa manierismi e formalismi, nuovi oggettivismi e nuovi soggettivismi, fantasmaticità e realismo in una dialettica tra complessità e lirismo, altra dalle diatribe da industria culturale ereditate, che in sintesi pencolanti impressiona l’immaginario negativo specifico di questi anni. Da questi presupposti si è partiti per la scelta, il più possibile comprensiva e varia, di una rosa di autori rappresentativi delle ricerche in atto nella nuova poesia da presentare ad un pubblico allargato tramite il patrocinio di un luogo chiave per la diffusione della cultura contemporanea, il Maxxi - Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma; l’antologia minima che qui presentiamo vuole dare una anticipazione della giornata e costituire al contempo una prima testimonianza del variegato panorama della poesia ultima.

domenica 7 dicembre (ore 11-19 no stop), Maxxi - Museo nazionale delle arti del XXI secolo - Via Guido Reni, Roma

Leggi l'antologia con testi di: Elisa Alicudi - Mariasole Ariot - Gabriele Belletti - Daniele Bellomi - Carlo Carabba - Alessandra Cava - Sara Davidovics - Tommaso Di Dio - Roberta Durante - Gabriele Gabbia - Sergio Garau - Franca Mancinelli - Simona Menicocci - Manuel Micaletto - Fabio Orecchini - Angelo Petrelli - Jonida Prifti - Ivan Schiavone - Fabio Teti - Julian Zhara . LEGGI >

Poesia MAXXI programma

Tagged with →  
Share →

5 Risposte a Generazione Y – Poesia italiana ultima

  1. Andrea ha detto:

    Forse una premessa vagamente più sensata, scritta un po’ meglio e senza errori di ortografia avrebbe aiutato a rendere un po’ più credibile questo evento.

    • giovanni mottura ha detto:

      Convengo con il commento di Andrea. Ma la premessa in questione va forse letta come consapevole esemplificazione della devastazione politica e culturale constatata nel suo stesso incipit.

  2. antonellacostanzo ha detto:

    Incuriosita dall’articolo di Ivan, ho cercato notizia dell’evento poetico tra le pagine web del MAXXI, ma non ne ho trovato traccia. E’ un peccato: la creatività e la produzione poetica sono la base della nostra umanità, il monumento dei monumenti.

  3. […] specchio. Nello stesso anno: Lorenzo Montano per la prosa. E: ha partecipato a RicercaBo. Inoltre: Generazione Y, MAXXI, Roma, 2014. Sue cose sono comparse su il verri, Nuovi Argomenti, nell’antologia di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi