Semaforo

Maria Teresa Carbone

Cani
La presenza di un cane può proiettare una notizia da un taglio basso in una pagina interna alla prima pagina.
Joe Pinsker, There's a Dog in This Story, “The Atlantic”, 17 novembre 2014

Integrazione
Perché affrontare l’aspetto mediatico quando si parla di integrazione? Perché l’integrazione passa per il rispecchiamento di una società e non sulla semplice estetizzazione della stessa; perché i media hanno a che fare con la democrazia e specialmente l’informazione ne costituisce un pilastro fondamentale; perché i media sono al servizio del cittadino e non viceversa. (…) “Più si parla di integrazione più significa che questa non c'è”.
Filippo Baracchi, Cambiamo programma, Marcianum Press 2014

Lingue
Dalla sua pubblicazione nel 1958, Things Fall Apart (Il crollo) è stato tradotto in più di cinquanta lingue, ma non in Igbo, la linguamadre di Achebe. È come se Cuore di tenebra di Conrad non fosse mai stato tradotto in polacco, ma il paragone regge fino a un certo punto, perché Conrad si identificava e veniva letto come un autore inglese, mentre Achebe si è identificato ed è stato letto come un autore africano.
Mukoma Wa Ngugi, Beauty, Mourning, and Melancholy in Africa39, “Los Angeles Review of Books”, 9 novembre 2014

Nostalgia
In Svezia non ci sono melanzane, allora ne ho portato qualche chilo, magari venisse anche lei in Svezia, stasera voglio preparare lo stufato di melanzane, e anche il pollo alle melagrane. Ogni sera cucinerò un piatto iraniano per questi figli ingrati così che gli venga nostalgia di Yazd.Goli Taraghi, La signora melograno, traduzione di Anna Vanzan, Calabuig 2014, p. 19

Sperperi
Molti di noi arrivano a una scadenza con tempi stretti, perché hanno sperperato il precedente periodo di abbondanza. I nostri studenti, invariabilmente, scrivono i loro saggi nei due giorni (o in molti casi nelle notti) che precedono la data di consegna, e ciò dopo settimane in cui il tempo era abbondante. Non era questa la loro intenzione all’inizio del semestre; il loro scatto dell’ultimo minuto è un microcosmo dei problemi di gestione del tempo sperimentati da dirigenti d’azienda che si danno alla bella vita fino a un attimo prima di precipitare nell’emergenza, oppure da villeggianti che senza accorgersene sono già arrivati alla fine della vacanza.
Sendhil Mullainathan e Eldar Shafir, ScarcityPerché avere poco significa tantotraduzione di Giuseppe Barile, Il Saggiatore 2014, p. 235

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.