Maria Teresa Carbone

Acciaio
Nel 1900 la US Steel Corporation produceva quasi il 30% dell'acciaio mondiale e la produzione statunitense era il 36% del totale globale. Alla fine della seconda guerra mondiale, con il Giappone e la Germania a pezzi, la quota degli Stati Uniti corrispondeva quasi all'80 % globale, ma a partire dalla metà degli anni '50 l'espansione delle acciaierie giapponesi e sovietiche ha comiciato a erodere il peso dell'industria americana. Nel 1975 gli Usa avevano ancora tre compagnie tra i dieci maggiori produttori di acciaio nel mondo (US Steel era la numero 2), nel 1990 US Steel era rimasta l'unica nel gruppo di testa (al quinto posto) e un anno dopo USX, la società da cui dipendeva, è stata estromessa dal Dow 30 in favore della Disney. Nel 2000 non c'erano società americane nella top 10: US Steel era al quattordicesimo posto. Nel 2011 era al tredicesimo, ma sei sulle dieci maggiori compagnie produttrici di acciaio nel mondo erano in Cina e gli Stati Uniti, producevano meno del 6 % dell'acciaio globale, contro il 45 % della Cina.
Vaclav Smil, Making the Modern World: Materials and Dematerialization, Wiley 2014 pp. 61

Comunità
Nei quattro miniappartamenti indipendenti realizzati attorno ad ampi spazi comuni, come la cucina, la sala da pranzo e la lavanderia, risiedono oggi tre coppie, oltre a Bruno e Anna Maria: una ultrasessantenne e due più giovani. Le uniche regole da rispettare sono l’adesione informale allo spirito della comunità, fondato su amicizia e compartecipazione, la suddivisione del lavoro e la creazione di una cassa collettiva per tutte le spese di gruppo.
Telmo Pievani, Federico Taddia, Il maschio è inutile, Rizzoli 2014, p. 53

Elezioni
Un uomo in cerca di una carica [nell'antica Roma] indossava ufficialmente una toga particolare di colore bianco, nota come toga candidata, da cui deriva l'attuale termine di “candidato”. Durante una campagna elettorale era importante farsi notare. A Roma non c'erano partiti politici come li intendiamo oggi e le elezioni non avevano come punto centrale il programma. In modo abbastanza esplicito gli elettori davano il loro voto sulla base del carattere percepito e della condotta precedente, più che sulla visione espressa dal candidato. Quando la natura di una persona non era evidente, i Romani tendevano a essere attratti dai nomi famosi.
Adrian Goldsworthy, Augustus, Yale University Press 2014, p. 37

Giovani
Sono 1,8 miliardi in tutto il mondo i/le giovani di età compresa tra i 10 e i 24 anni, su una popolazione mondiale di 7,3 miliardi di persone. Secondo le proiezioni delle Nazioni Unite, raggiungeranno i 2 miliardi entro la metà del secolo attuale. Attualmente, nei paesi in via di sviluppo, dove risiede la più alta percentuale di popolazione giovanile, una adolescente su tre si sposa prima di aver compiuto i 18 anni. Quasi la metà del totale degli abusi sessuali sono commessi su ragazze che hanno meno di 16 anni.
Dati dal rapporto dell’Unfpa (Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione), presentato in contemporanea mondiale il 18 novembre 2014 (a Roma dall'Aidos, che ne cura l’edizione italiana, presso la Sala Stampa Estera, via dell’Umiltà 83/c, alle 11).

Trasparenza
Per ripensare il carcere, occorre affrontare la questione dei diritti dei detenuti, di una loro migliore definizione. Per riprendere un problema che molto sta a cuore alle detenute: se il mantenimento dei contatti con l’esterno e l’incentivazione dei rapporti affettivi saranno riconosciuti come fattori che attengono al diritto (alla salute) delle persone detenute (e non come concessioni discrezionali), il lavoro di rete (sia di comunicazione interna che esterna) diventerà un pilastro dell’impalcatura organizzativa (...). Similmente, nell’ottica dei diritti, la trasparenza delle procedure e la «certezza» dei tempi (ragionevoli) delle risposte diventerà una priorità.
Susanna Ronconi e Grazia Zuffa
Recluse. Lo sguardo della differenza femminile sul carcere
Prefazione di Stefano Anastasia, postfazione di Franco Corleone
Ediesse 2014, p. 231.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi