Due ricette di fichi. È una proposta inusuale trattandosi di un frutto che, fresco, domanda solo di essere maturo, e non richiama particolari cotture per diventare un dessert. Secco è stata base alimentare contadina e provvista annuale nel meridione, o eccezionale apparizione nel corso dell’inverno nelle grandi città italiane. Per questa ragione ne indaghiamo le ricette, assai rare.

Due appunto figurano nel Talismano della felicità, il manuale di Ada Boni, cuoca e gastronoma romana, tutt’ora ristampato dal 1925. L’una è una frittura, trattamento riservato in passato a tutto il paniere alimentare, oggi rarefatto e mirato per lo più al pesce ; l’altra prevede il forno, ed entrambe sono semplicissime, preservando sapore e consistenza, con una manipolazione che diremmo da giovane cuoca o da merenda infantile.

Frittura di fichi

Una frittura che non tutti conoscono, e che è molto buona, è la frittura di fichi, specialmente adatta per bambini. Si scelgono dei fichi piccoli e non troppo maturi, si sbucciano, si infarinano, s’immergono in una pastella d’acqua e farina e si friggono nell’olio o nello strutto, finchè avranno preso un bel color d’oro. Questa è la frittura eseguita il più semplicemente possibile. Se poi volete avere un risultato anche migliore preparate i fichi un’ora prima di mangiare, sbucciateli e metteteli a marinare in una scodella con qualche goccia di rhum. Si scelgono generalmente dei fichi piccoli per friggerli interi. Se fossero troppo grandi divideteli in due.

Ada Boni preparava la pastella per friggere con qualche cucchiaiata di farina stemperata con acqua fredda, per mezzo di una forchetta o di una frusta così da ottenete un composto non molto denso.

Fichi freschi al forno

Scegliete dei bei fichi maturi e a pelle sottile, risciacquateli accuratamente, rotolateli nello zucchero in polvere, e allineateli dritti in un piatto di porcellana da forno o in una teglia, sul cui fondo avrete versato qualche cucchiaiata d’acqua. Passate ifichi in forno per 10 minuti. In forno lo zucchero di cui sono cosparsi i fichi si caramellizzerà comunicando un nuovo squisito sapore ai fichi. Lasciate che i fichi si freddino nello stesso piatto dove hanno cotto. Potrete servirli così semplicemente o facendoli accompagnare da una coppa di rico dolce al latte. Anche il gelato di fichi potrebbe accostarsi, a titolo di curiosità

*Lo speciale ricettario estivo di alfa+più è a cura di Alberto Capatti

Tagged with →  
Share →

Una Risposta a Fichi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi