Paolo Bertetto

Il cinema di Warhol gode di uno statuto particolare e, in fondo, paradossale. È un cinema differente, d’avanguardia, ma insieme è un cinema che fa emergere alcuni dei nodi più rilevanti del cinema in quanto tale. Innanzitutto un meccanismo di esibizione radicale sembra ispirare il cinema di Warhol. È un’esibizione molteplice e stratificata che investe più livelli e più orizzonti.

Innanzitutto Warhol esibisce con costante ossessività figure e situazioni plurime di perversione. Con sguardo ossessivo Warhol registra e scruta le avventure del desiderio del beautiful people della Factory, variamente impegnato in performances di diversa trasgressività. Il suo sguardo meccanico scopre di volta in volta promiscuità sessuali ed esibizionismi, omosessualità e voyeurismi, onanismi e sadismi, masochismi e fellationes, cunnilingua e feticismi, mescolati all'uso diversificato e intensivo di droghe che alterano la psiche e i comportamenti. Questa galleria variegata di pratiche è insieme registrata e mostrata come tale attraverso procedimenti di messa in scena ora complessi, ora ridotti ad una sorta di intenzionale minimalismo tecnico-linguistico. Ma nella registrazione delle prestazioni trasgressive del popolo della Factory, Warhol insieme attiva e mostra una serie di procedure differenti che riguardano il lavoro stesso di messa in scena e le componenti molteplici della macchina realizzativa del cinema. Il suo rifiuto dei modelli standard del cinema classico e il superamento estremamente personale ed intensivo dei modi del cinema moderno fanno della massa in scena di Warhol una riflessione in re sullo statuto del cinema ed una esibizione delle modalità strutturali della messa in scena stessa.

Warhol infatti attua una regia cinematografica talmente semplificata e ridotta ad alcune procedure essenziali, da porre grande evidenza davanti alle spettatore non solo gli elementi costitutivi della mise en scène, ma anche la sua struttura. E questo processo di messa in evidenza dei modi della regia cinematografica è invero una sorta di esibizione delle tecniche della realizzazione cinematografica. La radicalità delle opzioni di Warhol è tale da imporsi immediatamente alla visione e da costituire di fatto un ibrido intensivo, assolutamente particolare che unisce due determinazioni nettamente diverse come la riflessione e la esibizione. Cosi all‘esibizione delle molteplici pratiche sessuali del popolo della Factory, il cinema di Warhol aggiunge un'esibizione delle tecniche della messa in scena, attraverso la presentazione di alcune varianti trasgressive, quasi un’esibizione di alcune perversioni possibili della mise en scène. Sono trasgressioni che riguardano il mode di ripresa, ma anche le modalità di recitazione dei soggetti posti davanti alla mdp, l’uso della tecno-linguistica del cinema e il carattere ambiguo e singolare delle performances degli attori . E in questa sintesi paradossale e anomala Warhol realizza una fusione singolare e fortemente simbolica di ricerca sul desiderio e di ricerca sulla tecnica, di esibizione del desiderio e di esibizione del cinema.

Tratto come A Clockwork Orange di Kubrick dal romanzo di Burgess, Vinyl è uno dei film di Warhol in cui il gioco della riflessione sul desiderio e sul cinema appare più complesso. Del libro di Burgess restano in Vinyl soltanto le figure e le ossessioni centrali: l’esercizio dell'ultraviolenza, il rovesciamento delle funzioni vittima/carnefice, la sessualità deviata. Warhol, infatti, a differenza di Kubrick modifica radicalmente il plot, riduce il romanzo a una semplice suggestione tematica, trasformandolo nel pretesto per una doppia seduta sadomasochistica. Sulla base di una sceneggiatura di Tavel, Warhol assembla un insieme di personaggi in uno spazio determinato, collocandoli lungo un asse di profondità. Insieme lavora su una dilatazione estrema del tempo della ripresa che è definita dall’ampiezza del caricatore della macchina da presa Auricon. La sua operazione è insieme un Bazin senza intenzione esplicita (piano-sequenza + profondità di campo) e una negazione del principio rappresentativo e cinematografico baziniano. Warhol mostra che dentro un ipotetico modello rappresentativo c’è l’altro, quello che la rappresentazione non può contenere, quello che sfugge alla rappresentazione, l’irrappresentabile. Il non rappresentabile in Vinyl è un eccesso di mascheratura, un surplus di esibizionismo, un grumo sadomasochistico sottoposto ad una delectatio morosa.

È un intreccio perverso del desiderio, un gioco con un regime depurato del desiderio in cui il perverso polimorfo e la dimensione sadica si intrecciano. Il non rappresentabile è una spinta pulsionale ulteriore, una pregnanza strana del desiderio, che si avvolge su di sé, è una intensificazione del sadismo che si esercita al limite o forse aldilà della messa in scena, è una impraticabilità del desiderio, che si fa dislocamento nella pulsione visiva, è una impossibilità a rappresentarlo. Le opzioni di ripresa e di montaggio di Warhol sembrano sottrarre linguisticità, cioè articolazione formalizzante al film ed evidenziare ulteriormente la non mediabilità dei materiali visivi. Le immagini registrate paiono costituire una sorta di surplus, di eccesso, di irriducibile, di cui la mdp può anche appropriarsi, ma che resta aldilà del simbolico e del cinematografico, come un residuo più forte del desiderio che il lavoro narrativo non può assorbire o cancellare. Tutto il gioco tra la finzione e l’impressione di verità, la performance e la messa in scena, crea una tensione che si colloca fuori dei confini della rappresentazione per investire la natura stessa del rapporto tra cinema e simulacro, tra messa in scena e simulazione. Il performer legato sullo sfondo e sottoposto a una tortura lenta e fredda, la fiamma della candela che si intuisce avvicinata alla pelle, le corde che stringono l’omosessuale per metterlo in balia degli altri omosessuali, sono tutti elementi di tortura (reale? fittizia?) che creano un’inquietudine crescente, un’ambigua tensione, di fronte alla perversione sadomasochistica in atto.

La riduzione minimalistica della tecnica cinematografica e l’eliminazione quasi completa del montaggio, la realizzazione di due inquadrature, con all’inizio un piano più ravvicinato e poi un carrello indietro e una ripresa in continuità di oltre 50° segnano un progetto filmico in cui la tecnica della messa in scena è ricondotta ai termini per mostrare sole il ‘presentato’ nel suo carattere di figuralità radicale. Questo spazio aperto, questo territorio di attraversamenti di forze, di intensità impure è il luogo del figurale, la sua profondità di superficie, il suo essere in Warhol simulacro e scena inconscia, presenza e allusività infinita. Questa produzione di figuralità tuttavia è connessa ad un’altra attivazione complessa del figurale e del suo desiderio. È un modo che attraversa il vedere e lo sguardo evidenziandone la natura voyeuristica. In Vinyl la mdp e lo spettatore implicito attivano il loro sguardo come un esercizio di voyeurismo palese , in cui la perversione e il sadismo del vedere e delle scrutare si intrecciano con il sadismo speculare oggettivato nella performance nel profilmico. Nel film di Warhol il voyeurismo è esaltato nella sua natura perversa in quanto si esercita su una perversione in atto. Il voyeurismo di Vinyl scopre l’affermarsi di una perversione che non solo si svela legata alla perversione immaginata dall’occhio e dal comando implicito nella produzione-realizzazione del film.

La performance perversa ha un palese carattere proiettivo, è la proiezione di un desiderio e di una fantasia sadomasochistica e voyeuristica dell’autore/produttore, cioè di Warhol stesso. Cosi l’esercizio voyeuristico ossessivo della macchina da presa che guarda immobile, dopo il movimento iniziale, per tutta la durata del caricatore, la performance sadica predisposta è un esercizio che scopre l’immagine speculare sado-masochistica del desiderio warholiano e lo fissa nella sua oggettivazione. Questa immagine ulteriore fissata al di fuori nella messa in scena speculare è ovviamente una concrezione figurale, cioè una delineazione del figurale inconscio e conscio di Warhol, di Tavel e delle pratiche deviate del desiderio nella Factory. Le dinamiche voyeuristiche e proiettive del film moltiplicano quindi la forza del figurale, creando un corto-circuito di particolare intensità tra il desiderio fantasmatico e la sua configurazione fenomenica anomala e perversa.

Questa avventura di percezione voyeuristica surdeterminata è sostanzialmente legata ad una complementare esperienza di desiderio di esibizione della trasgressione sadomasochistica. La macchina da presa di Warhol scruta e registra un rituale sadomasochistico che Warhol e Tavel hanno ideato. Warhol predispone insieme la ripresa e la performance , il vedere e il mostrare. L'esibizione della prestazione sadomasochistica non è meno perversa della sua registrazione visiva. C’è anzi in Warhol un piacere particolare nel predisporre gli aspetti del profilmico e nel definire le modalità dell‘ azione degli attori. Warhol da un lato punta a sottrarre l’azione degli attori non solo ai canoni recitativi del cinema classico, ma anche ai modi del cinema moderno per garantire una forte componente di improvvisazione. Warhol vuole che gli attori siano più performers che interpreti, più attanti che attori, e cerca di creare le condizioni affinché gli attanti siano costretti ad agire anche sulla base delle proprie propensioni e dei propri desideri. Cosi le prestazioni messe in scena giocano sul crinale difficile della finzione e insieme sembrano oscillare tra simulazione e verità. Gli attanti interpretano un ruolo, ma insieme sembrano anche essere se stessi, immersi nelle ossessioni personali. Warhol crea le condizioni perché i desideri del beautiful people della Factory siano stimolati ad emergere e possano essere mostrati.

Il piacere di Warhol metteur en scene è quindi insieme nell’esibire e nel guardare, nel mostrare e nello scrutare. Ma questo piacere di Warhol non fa che oggettivare una duplicità che è intrinseca all’atto registico, alla struttura della messa in scena. Mettere in scena nel cinema significa predisporre il profilmico, impressionarne le immagini sulla pellicola, e successivamente montarle: significa quindi definire i modi del mostrare e del guardare. L’esperienza del vedere è quindi legata intrinsecamente all’esperienza del fare vedere, cioè dell‘esibire. Voyeurismo ed esibizionismo sono dunque strettamente connessi all’esperienza di messa in scena e Warhol ne mostra con particolare pregnanza i caratteri generali. L’inquadratura lunghissima che quasi costituisce l’insieme del film non solo sottolinea il procedimento del mostrare attraverso la struttura del piano che caratterizza il cinema, ma insieme avvia una riflessione indiretta sulle strutture visivo-dinamiche e narrative, lavorando tra l'altro sull'assenza del montaggio e sulle sue implicazioni significanti.

Insieme i modi della recitazione, la compressione arbitraria in uno spazio unico di più azioni, che avrebbero dovuto essere collocate in diversi spazi-tempi, mostrano una violazione dei codici e delle tecniche del cinema narrativo , esibendo un’alterità alla norma, che costringe a ripensare la norma stessa. Cosi Warhol esibisce non solo i corpi del suo desiderio perverso, ma anche la tecnolinguistica del cinema e il lavoro della messa in scena, realizzando una sintesi in cui la struttura del soggetto desiderante e la struttura della regia cinematografica sono insieme guardate e mostrate. In questo modo il voyeurismo è intrecciato all’ esibizionismo e l’oggetto del mostrare e del vedere sono insieme il desiderio perverso e il cinema. E il regista si rivela come soggetto doppiamente perverso. Non meno dello spettatore.

Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi