Maria Teresa Carbone

Biblioteche
Le Biblioteche di Roma sono l’unico grande sistema bibliotecario urbano in Italia privo di una biblioteca centrale. La proposta di una grande biblioteca metropolitana è tuttora valida? E quelle di un nuovo grande centro dedicato ai bambini e ragazzi o all’intercultura? Ci sono le condizioni per rilanciare nei municipi (molte aree ne sono ancora prive) l’apertura di nuovi spazi dedicati alla lettura? Che alleanze (ri)costruire con le librerie, gli editori, la scuola, l’università, e con tutto il sistema culturale cittadino?
Maurizio Caminito, Dove vanno le Biblioteche di Roma?, Avvertenze per geni, 26 giugno 2014

Cultura
Per oltre un secolo la cultura è stata vista come qualcosa legata al passato. Abitudine, costume, retaggio e tradizione costituiscono le parole chiave. D'altro canto lo sviluppo è stato sempre visto in termini di futuro. Progetti, speranze, scopi e obiettivi. Questa opposizione è un artificio causato dalle nostre definizioni che ci ha paralizzato. Malgrado importanti progressi tecnici nella comprensione della cultura il futuro rimane estraneo alla maggior parte dei modelli antropologici di cultura. Al contrario per definizione e anche per ragioni indipendenti l'economia è diventata la scienza del futuro. (…) Non è certo una sorpresa che nove studi su dieci sullo sviluppo trattino la cultura come una seccatura o come un freno al progredire del cambiamento economico pianificato.
Arjun Appadurai, Il futuro come fatto culturale. Saggi sulla condizione globale, Raffaello Cortina 2014 pp. 246-47

Generi
Se una donna tradisce un po' di nervosismo, il commento che scatta puntuale è questo: “Non c'è verso, con le donne non si può lavorare”. Resta però un fatto almeno per quanto riguarda la mia esperienza: gestendo per anni due diverse squadre di lavoro, ho imparato che se la padronanza di sé e la linearità dell'umore non sono doti peculiarmente femminili, ancor meno le si riscontrano tra gli uomini
Francoise Giroud, Storia di una donna libera, a cura di Alix de Saint-André, traduzione di Roberto Boi, Neri Pozza 2014, p. 98

Gentrificazione
Le precedenti generazioni di residenti vengono scacciate da aree come Dumbo a Brooklyn o Cambridge a Boston, sempre più dedicate all'innovazione, a mano a mano che vi si trasferisce una nuova tipologia di lavoratori, giovane, istruita, sostanzialmente omogenea. E mentre questi distretti dell'innovazione diffondono poi capitale alle città in cui sono inseriti, nel momento in cui le società “co-inventano e coproducono nuove scoperte per il mercato”, la domanda è: quali mercati effettivamente va a servire questa crescita?
Kyle Chayka, Does Innovation Always Lead to Gentrification?, Pacific Standard, 18 giugno 2014

Urss
Le ombre dei vagoni strisciarono sul marciapiede, sulle chiazze di ghiaccio sabbioso con riflessi aranciati uno yak solitario passò dietro il finestrino, e si allontana l'Unione Sovietica, i distributori automatici di acqua minerale (senza melassa una copeca con melassa tre copeche), i minibus, le bambine con le trecce in divise scolastiche bianche e nere, una terra sconosciuta, le sue acque calme e i suoi abissi, le città costruite in una notte, i centri amministrativi dei distretti, i villaggi, le paludi, le torbiere, la steppa, la taiga, le distese disabitate, le foreste, le zone devastate, le aree disboscate, le fotografie mal ritoccate dei membri del Politburo sulla piazza centrale, i curiosi davanti ai negozi riservati ai compagni di partito, le saune comuni, i grandi magazzini statali, le donne spazzine, gli spalatori, i portieri d'albergo che prendono mazzette, l'ottima vodka, lo spumante secco georgiano e il senso di sicurezza che si prova per le strade sovietiche di notte (...) si allontana l'Unione Sovietica una terra stanca, sporca e il treno si immerge nella natura.
Rosa Liksom, Scompartimento n. 6, traduzione di Delfina Sessa, Iperborea 2014, pp. 177-79.

 

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi