Elisa Biagini

è l'occhio della
memoria che si vela:
andate le giunture
di ossa e di parole

hai solo un fotogramma
tra le ciglia

(e se tu ti scompari
io mi scoloro
dalle foto, s'asciuga
quel mio primo sospiro)

(duemilatredici)

*
in quell'aprirmi al
mondo c'è il tuo
viso e il taglio
che mi ha fatta
sola:
un nodo
per ricordare
al mio piede
la tua mano.

(nove dicembre millenovecentosettanta)

*
*

se altrove si aprono
cassetti
e serrature,
qui è il momento
che la bocca
torni a schiudere:
restituisca l'aria
presa in prestito,
una boccata durata
una vita.

(marzoduemilaquattordici)

www.elisabiagini.it

 

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi