Valerio De Simone

Los Angeles: Christian (James Deen), giovane manipolatore e amante del controllo, è un ricco ereditiere che decide di produrre a tempo perso un film horror. La sua fidanzata Tara (Lindsay Lohan), ex attrice condivide con lui il divertimento degli scambi di coppia. Gina (Amanda Brooks) assistente personale di Christian, con il suggerimento di Tara propone per il ruolo principale Ryan (Nolan Gerard Funk) suo fidanzato ed ex amante di Tara.

L'incontro tra Ryan e Tara darà inizio a una serie di eventi che stravolgerà le esistenze dei giovani. The Canyons segna il ritorno di Paul Schrader, nella veste di regista, e di Lindsay Lohan per la prima volta co-produttrice del film e vede l'esordio dello scrittore Bret Easton Ellis alla sceneggiatura. L'opera, finanziata attraverso il crowd funding, è un film indipendente e come tale presenta una particolare ibridazione dei generi cinematografici. In un primo momento lo potremmo ascrivere al genere Youth Film e considerarlo come il manifesto della Generazione Y come lo erano stati Singles – l'amore è un gioco (Cameron Crowe, 1992), Giovani, carini e disoccupati (Ben Stiller,1994) nei confronti della Generazione X. A sostegno di tale ipotesi vi è un'assenza, o quasi, di personaggi adulti, tipica delle prime pellicole di John Hughes. Un'eccezione è rappresentata dal dottor Campbell, terapista di Christian (interpretato dal regista Gus Van Sant).

In un secondo momento assume caratteristiche più consone al genere neo-noir con un forte sfondo erotico, sul quale però sembra essersi eccessivamente ancorata gran parte della critica, tralasciando così altri elementi importanti. In linea con le caratteristiche del neo-noir, la figura di Tara appare, in parte, come una dark lady: è lei che, all'oscuro di tutti, opta perché venga scelto il suo amante come primo attore, ed è sempre lei che, durante uno scambio di coppia, suggerisce un rapporto sessuale tra il suo fidanzato e l'altro ragazzo della coppia. Christian durante la seduta dall'analista dice essersi sentito “un oggetto” nelle mani di due ragazze. Tara ribalterà così la fantasia maschile del voyeurismo, la coppia lesbica, in un incubo.

Ulteriore elemento importante di The Canyons è che si presenta dichiaratamente come un film meta-cinematografico. Basti pensare alla sequenza d'apertura, in cui viene mostrata una lunga serie di immagini di una multisala in completo stato d'abbandono e di degrado. Un modo non solo per evocare la crisi economica che ha colpito nel 2008 gli Stati Uniti, e che ne sta ridefinendo lo stato da un punto di vista culturale e politico, ma anche la cosiddetta crisi del cinema come arte.

Ad evidenziare questa crisi è la totale assenza del film che Christian sta producendo. Infatti lo spettatore di The Canyons non vedrà mai né una sequenza, né un set del film in lavorazione. La realizzazione della pellicola non è altro che un escamotage per mostrare Hollywood come un mondo duro e spietato. Un lavoro simile e al contempo profondamente differente lo avevano fatto Billy Wilder con Viale del Tramonto (1950) e David Lynch in Mulholland Drive (2001), riuscendo a configurare una Hollywood altrettanto spietata, dove non vi era posto per i sentimenti, ma soltanto per la fama effimera.

Anche la scelta degli attori rispecchia un intento meta-cinematografico. James Deen, il cui nome d'arte rimanda alla figura mitica di James Dean, proviene dal cinema pornografico. Lindsay Lohan, ex bambina prodigio della Disney, divenuta attrice versatile, tanto da aver partecipato alla video-installazione con il suo nome realizzata da Richards Phillips, incarna perfettamente lo stato di malessere e di noia narrato dal film di Paul Schrader, regalandoci una splendida interpretazione.

 

Share →

5 Risposte a The Canyons

  1. valeria ha detto:

    bellissima recensione che rende perfettamente lo spirito del film!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi