Thor Vilhjalmsson

III

Dovremmo urlare o sussurrare
o muti recitare versi non nati

 quello che credi

quello che credi
quello che credi di dire
quello c he potresti dire
quello che ti potrebbe accadere di dire

 Il mare

 Un tempo si chiamava…

Qui non tiscalda né il sole né
il mio canto
cerca sull’erba gessosa
le ali ingessate
dell’uccello che
un tempo si chiamava falco
e non volerà mai più.

Da Thalatta: cinque poesie al mare

 Dove, oh dove?

 Le giostre sui loro perni
non ruotano più
non tritano grani di sabbia né di polvere
rugginiscono e basta
mentre signore gentili che prima
guardavano
coi sorrisi bonari in occhi vacui
avvizziscono e svaniscono
marciscono
appena più sagge oppure no
eppure
né grida né risa di bimbi
a turbare la scena di foglie cadute in autunno
tutto perduto
chissàdove
dove?
altrove
per ogni dove
dove?

 Da Il mare blu profondo, pardon l’oceano
Traduzione di Silvia Cosimini

 

Tagged with →  
Share →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi