Alessandra Carnaroli

Un bambino nasce sulla barca sta bene
(voi li chiamate barconi ma invece sono piccoli)
Io partorisco sulla barca sto bene
io vengo dalla barca
se c’ho fame mi date il panino
le alici sott’olio
Per noi
Che siamo sulla barca
Con la maglia sudata la borsetta la bottiglia
Un panino è molto come
Una fotografia di casa mia in Tunisia (spersa)
io c’avevo forti dolori nella pancia
Era mio figlio
Poi morto sulla barca (sperso)
Voi mi date l’acqua
Perché quella del mare fa male
Nella bottiglietta va bene
servono più bottigliette magari
Voi mi volete mandare via
Tornare a casa mia
No a casa vostra siamo in troppi
non ci stiamo bene sulla terra
sulla barca
Non ci stiamo bene da nessuna parte
Dove c’è la guerra no
Dove c’è sanremo no
Aiuole scuole stadio milan Juventus no
Un bambino è nato sulla barca è vivo a palermo
Uno prende il latte di sua madre
Quasi finito mamma mia
Uno fa la piscia
Tra le gambe
Di un altro
I cazzi
Le fiche
I giubbotti le penne da scrivere
SOS
Perché è molto stretto sulla barca
Da dove veniamo
Tutti
Ossi sigarette ricci

A Bossi lo conosco in televisione
ci compra casa Berluscone

Tagged with →  
Share →

2 Risposte a Yeabsera

  1. Flavio Ronchetto ha detto:

    almeno il bambino che voi adorate
    aveva una capanna e oggi il Vaticano

    noi il mare e la barca
    acqua e legno marcio

    fino a quando?

  2. alessandra ha detto:

    fino alla fine
    che niente importa
    il dito nella porta l’orlo
    del polso asciutto
    un orologio mostro
    la pancia
    niente importa
    l’inchiostro di giornale forse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi