dal 16 novembre in edicola e in libreria

«Per esempio – mi chiedo – quanti italiani sanno di vivere da tempo formalmente in uno stato di emergenza, proclamato per poter schierare l’esercito in aree civili?». Slavoj Žižek, intervistato da Antonio Gnoli, apre la discussione Anomalia Italia. Il fenomeno Berlusconi, la lobby vaticana, le scuole rase al suolo e l’università fra i temi trattati, con interventi di Pier Aldo Rovatti, Franco Buffoni, Alexander Stille, Enrico Donaggio e altri.

Il sogno americano esiste ancora? Furio Colombo, Chu Zhaogen, Danilo Zolo, Luigi Ballerini discutono da diverse angolazioni la Scomparsa dell’America. Questione complicata, quantomai spinosa questa, che analizza l’attuale responsabilità internazionale degli Stati Uniti, le sue politiche interne e la ormai vecchia convinzione che la priorità data alle relazioni con gli Stati Uniti sia ancora assoluta.

Ghada Karmi (palestinese) e Ilan Pappé (israeliano) si confrontano per la soluzione dello Stato unico.

L’intero numero è illustrato da Gianfranco Baruchello con un’intervista curata da  Beppe Sebaste.

«alfabeta2» è disponibile anche in versione digitale nei tre formati ePub, mobipocket/kindle e Pdf. I numeri del mensile formato e-book resteranno disponibili per l’acquisto anche dopo l'uscita dei nuovi numeri, per dare l’opportunità di acquistare numeri persi o non più presenti in edicola.

Tagged with →  
Share →

Una Risposta a «alfabeta2» numero 4 è in edicola

  1. marco zummo ha detto:

    Gentile Redazione,
    potrei iniziare con un elogio a cui far seguire, immediatamente, una critica. Un dispositivo retorico ancor più necessario quando l’appunto si sofferma su qualcosa di trascurabile e di incerto, proiettando l’ombra della pedanteria.

    http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=3779&ctg_id=44
    http://forum.accademiadellacrusca.it/forum_8/interventi/2770.shtml

    Il delitto è un refuso che, tuttavia, ricorre sempre più spesso, tanto da apparire una variante della forma grafica ritenuta corretta.
    Ho appena disteso le pagine del n. 4. Il profumo della carta stampata non ha il tempo di essere apprezzato pienamente. La vista prende il sopravvento sull’olfatto: l’occhio cade su un “qual’è”. A pagina 3, il primo rigo, l’apertura dell’intervista di Antonio Gnoli a Slavoj Žižek.
    È una reazione istintiva. Sincera come la stima che nutro per la rivista, che anche nei dettagli esprime il suo intervento culturale.

    Grazie e saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi