Prezzosorgente.com

Prezzosorgente.com, Il Mercato senza mercanti, è una piattaforma ideata da Pino Tripodi che nasce con l’obiettivo di creare, promuovere diffondere sistemi di produzione e relazioni sociali basati :

Share →

Una Risposta a Il mercato senza mercanti: il sito, il progetto

  1. Mario Faggi ha detto:

    ottima idea e anche molto attuale, quasi ovvia. Come si fà però
    a rimuovere tutta la struttura commerciale attuale alla quale,
    per altro, il consumo si è o è stato modellato?
    Un esempio pratico: la grande distribuzione offre grande varietà
    di prodotti a prezzi diciamo adeguati alla concorrenza di pari
    natura, cioè non ha senso discernere tra Esselunga e Coop, il
    sistema è lo stesso. Il fatto è che la clientela è compiaciuta nel
    poter comprare uva argentina a Marzo o vini australiani al prezzo di quelli italiani, tutti disponibili contemporaneamente
    nello stesso magazzino. Se tali prodotti hanno fatto migliaia di
    chilometri in nave o aereo, hanno prodotto inquinamento, etc. non gliene frega niente a nessuno; diciamo che le banane insegnano. Ora se l’alternativa del produttore locale, l’agricoltore diciamo, porta al mercato con mezzi propri, quei prodotti adeguati alla stagione, anche a un prezzo più esiguo
    (da verificare) la domanda non ne risentirà cioè la grande
    distribuzione continuerà a beneficiare della propria posizione
    dominante.
    Si potrebbe magari nelle grandi città organizzare dei punti di
    vendita in cui raggruppare vari produttori proponendo cioè
    un servizio di spaccio dal produttore al consumatore e per fare
    ciò occorrerebbe una contenimento dei costi sui trasporti e
    confezionamento e utilizzare spazi messi a disposizione da enti
    pubblici tipo comuni etc contenendo o annullando i costi di affitto. Altresì allargando al massimo la qualità dell’offerta sempre però collegata alle produzioni locali e, infondo, che i
    prezzi di vendita siano congrui per il produttore e il compratore. Ad esempio un formaggio pecorino nella grande
    distribuzione si può pagare da 12 a 18 eur al chilo secondo
    provenienza e qualità. Il pastore o comunque il produttore avrà ricevuto 5 o 6 eur al chilo e naturalmente si lamenta.
    La differenza di prezzo è andata per i costi di trasporto, distribuzione e guadagni vari. Ora se il pastore o produttore
    presenta il proprio formaggio per la vendita diretta non può
    chiedere 15 eur al chilo perchè vi sarebbe poco beneficio per
    l’acqirente. Sarebbe quindi opportuno, in questo caso, proporre questo pecorino a 10 eur migliorando così la condizione di entrambi i soggetti. Non è facile.
    Tutta la questione andrebbe studiata con grande rigore e qualche soluzione forse scaturire. Attenzione però: la grande
    distribuzione è salda e la gente ha poca voglia di rompersi le
    scatole. Scusate la fretta.
    Sono a disposizione per analisi più approfondite, e ce ne sarebbero.
    25.10.10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi