Guido Caserza

PARTE SECONDA- Dialogo ipologico fra i due maestri (parte A)

Dormono le merci, maestro?

Non mai! Se le merci dormissero sarebbe doppia follia: la loro e quella del capitale che le muove.

Ma se le merci potessero dormire…

Maestro, possono forse le merci morire?

Forse sognerebbero.

Mentre il sogno, in verità, è un presupposto della circolazione delle merci. Si colloca a uno stato anteriore dell’ontogenesi.

Con questo, maestro, vuole dirmi che la merce non è deperibile?

È deperibile e non lo è: è deperibile in quanto transustanziata in natura umana; è indeperibile in quanto autogenerantesi e autorinnovantesi.

Dunque la merce è potenza in sé?

Sì, e per questo esistono merci addestrate (trained goods) a promuovere la morale (good manners).

Da dove invece deriva la forza delle merci?

Sono vicarie del capitale e ciò che può il capitale lo può anche il suo vicario.

Può una qualunque merce (single good) essere padrona del mondo?

Sì, per la virtù che gliene deriva dall’essere ubiqua, ossia capace di spartirsi in denaro e proprietà: in questo la merce è come una fedele cortigiana.

Le merci dunque governano il mondo?

Sì.

Come possono senza il consenso del popolo?

Non hanno autorità, ma sono diffuse: in questo modo vengono trasmesse (delivered) come se fossero delle leggi, sicché tutti i campi del sapere (all kinds of literature) si trasformano in merce.

Le loro destinazioni sono assolute o arbitrarie?

Arbitrarie, perché costringono gli uomini ad avere un governo.

Ma ottenuto quel governo, le destinazioni della merce diventano assolute!

Verissimo, e potremo per questo motivo considerare la merce alla stessa stregua del capitale?

No, sebbene una lunga tradizione (custom) voglia fare coincidere merce e capitale, solo il capitale ha, naturalmente, carattere divino.

Le merci non sono dunque divine?

Esse hanno il carattere e l’attitudine del divino, ma non la natura.

Infatti, solo il capitale è duplice per sua natura, è insieme oggetto e simbolo, cosa e potenza, da questa duplicità deriva la sua natura mistica.

Vuole dire, maestro, che il capitale può essere insieme duplice e uno?

Non può essere, ma è.

La merce non è forse duplice?

Anche la merce può essere oggetto e simbolo, cosa e potenza, ma non può mai esserlo insieme. È, di volta in volta, oggetto o simbolo, cosa o potenza.

Dunque non è mistica, ma, se intendo bene, partecipa della natura del divino, nello stesso modo in cui il figlio partecipa della natura del padre.

È verita in specchio e in questa maniera appare come arcana immagine. Nasconde il volto del padre, ovvero lo manifesta pienamente e in modo acciecante.

In sostanza, il capitale è merce?

No, ne assume le sembianze per ingannare i cospiratori, mentre è sempre sé stesso, sempre vergine e incorrotto, sempre in atto e sempre immobile.

Che beneficio trae il capitale dal mostrarsi come merce?

Quello di restare pura fonte d’ogni bene: mentre i cospiratori gridano allo scandalo e al complotto, accanendosi contro apparenti mercimonii di moneta, il capitale, per vie naturali e misteriose, resta sempre disponibile, come acqua per gli assetati.

Nasce con l’uomo il capitale?

Lo precede e ne motiva le circostanze. Per questo ci si può appellare al capitale solo appellandosi a se stessi.

Maestro, vuole dire che il capitale svela l’uomo a se stesso?

Al contrario: ne mistifica la natura peritura e corruttibile.

Questo significa che il capitale nasce in natura come idolo: appellandosi a se stesso, l’uomo scopre lo spettacolo del proprio sepolcro, da cui si allontana chiamando a grande voce il potente idolo.

E i cospiratori?

La loro morte sarà miserabile.

Tagged with →  
Share →

7 Risposte a L’imitazione della merce 2

  1. Domenico ha detto:

    Lavorando per un corriere, e scrutando il formicolare di uomini e merci in un magazzino si può notare come l’essere umano, unico e complesso nel suo genere, disperda nell’aria tutta la sua potenza e forza creatrice, affinchè anche il pacco contenente il superfluo arrivi a destino per soddisfare il cliente finale , mentre all’esterno della saracinesca, tenebre e fulmini di apocalisse incombono all’orizzonte.

  2. guido caserza ha detto:

    Allora, maestro, poichè tenebre e fulmini di apocalisse incombono all’orizzonte, è lecito supporre che all’interno del magazzino l’uomo realizzi la sua potenza immaginativa e creatrice in una condizione di armonia e di benessere? Ed è lecito supporre che il magazzino sia il completamento astrale ed eterico dell’uomo? E le chiedo: il disvelamento dell’aura, nonché il suo potenziamento, è intrinseco e consentaneo al divenire tutto merce?

    • Domenico ha detto:

      Guardi, parlare di armonia e benessere in un qualsiasi magazzino di stoccaggio merci è pura utopia. Il brulicare di pacchi, bancali, muletti e uomini ha un solo fine: movimentare il superfluo. Sarò ripetitivo, ma io vedo tutti i giorni, uomini e donne che disperdono nell’aria quantità di energie tali, utili a cambiare il corso disastroso del mondo attuale, mi spiego: urli e litigi, intuizioni e calcoli affinché un pacco arrivi a destino nel minor tempo possibile anche se il contenuto fosse della semplice carta igienica nata senza alcuna fretta. Se tutta questa potenza umana fosse impiegata per il futuro del nostro pianeta e dell’umanita credo che i trasporti sarebbero circostritti alle pure e vere necessità. Mangiare ananas del Costa Rica o fragole e panna la vigilia di Natale mi sembrano uno schiaffo alla Natura.

      Il sarcasmo con cui mi definisce maestro, avrebbe potuto risparmiarselo, sono un venticinquenne ignorante che aspetta e chiede al mondo dei grandi il perchè di questa società vuota e brancolante.

      Grazie per l’opportunità.
      Domenico

  3. guido caserza ha detto:

    Domenico, non volevo assolutamente essere sarcastico, davvero, ma solo continuare nello stile del mio intervento, in cui, appunto, due maestri interloquiscono. Al limite volevo essere autoironico.

    • Domenico ha detto:

      Chiedo scusa per l’errata interpretazione.

      Concludendo, muore l’uomo che movimenta la merce per una vita intera, il turbinio delle merci confuso e abbondante non morirà mai?

      Domenico Nisi

  4. guido caserza ha detto:

    Maestro! ciò che io credo è che siano le merci a movimentare l’uomo; dunque anche l’uomo continuerà a autorigenerarsi, quasi come eterico corpo della merce.

  5. Domenico ha detto:

    Sarò giovane, ma voglio ancora sperare che l’uomo un giorno possa almeno controllare e manovrare il proprio prodotto.
    L’economia del surplus ha terribilmente fallito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo commento dovrà essere approvato prima di apparire.

Iscriviti alle notizie da alfabeta2 e alfapiù

* = campo richiesto!

Archivi